Testi-Poesie offresi

Home Forum Forum nirvanaitalia.it Testi-Poesie offresi

  • Questo topic ha 74 risposte, 5 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 16 anni, 6 mesi fa da dg.
Stai visualizzando 15 post - dal 61 a 75 (di 75 totali)
  • Autore
    Post
  • #9104
    Anonimo
    Ospite

    nel senso che non è proprio poesia, nel senso di struttura, rima o altro, ma sono cose dettate dal cuore, senza usare il cervello per controllare le emozioni, come la poesia. capito? io ad esempio scrivo (oltre ai testi dele canzoni) qualcosa che sembra poesia, ma non ne ha ne la struttura ne la rima, ma sono cose sincere come i versi poetici.

    #9105
    Anonimo
    Ospite

    SLIVER – 5/4/2005 8:56 PM

    Agitazione
    Velocità
    Ansia
    Tutto fermo
    Mi sento strano
    Galleggio
    Affogo
    Torno a galla
    Mi spavento alla minima vibrazione
    Di nuovo sotto
    Irrealtà
    Verità
    Ricordi
    Pensieri
    Immagini
    Immaginazione
    Schiavo del mio cervello
    È pazzia questa?

    hei sliver, posso usare questo testo per una mia canzone? mi piace molto, e se mi dai il permesso la tradurrei in inglese (parola per parola), così si adatta meglio ad una mia canzone che per ora ha solo il titolo. ci stai? ico03

    #9128
    SLIVER
    Partecipante

    si tranquillo..però poi in qualche modo la voglio sentire ico03 ico03

    #9106
    Anonimo
    Ospite

    il tuo bambino
    ha ancora bisogno di latte
    versi ,carezze ,sculacciate
    prenotate dolcezze e obblighi
    affiatati commenti di rutin
    ritardi seguiti da un orologio
    più veloci di secondi
    amati da centinaia di mondi

    #9129
    SLIVER
    Partecipante

    stupenda ico10
    io non sto scrivendo più nulla forse perchè finalmente sono sereno o forse sono solo troppo occupato per pensare…ci vuole che qualcuna mi dia da pensare anzi ho bisogno che mi si faccia soffrire per poter scrivere
    per cui forse è meglio per tutti se sto bene, così io non soffro e voi nn dovete leggere le mie paranoie ico02

    #9162
    dg
    Partecipante

    la fragilità di un falso perdono
    la scusante di un uomo solo
    la speranza di un destino ormai scritto
    occhi creduti speculatori di un fatto alquanto netto
    vorrei credere alle bugie del mio cuore
    scartando trafitti pensieri che mi susseguono
    cuore all oscuro della mente
    sveglio sogno paranoia ricorrente

    #9163
    dg
    Partecipante

    finalmente questo boccone amaro
    è volato via come un dolce sparo
    perchè negare un briciolo di amarezza
    sollevando un esaltazione di inutile esistenza
    fuggi e scappa più lontano possibile
    demoni pronti al primo sbaglio ti sorvegliano
    usa le palle dimenticate nel primo comodino
    o il colpo della fine nel secondo

    #9130
    SLIVER
    Partecipante

    Non so davvero, mi sento strano.
    Mi sento come perennemente coinvolto in una caduta senza fine
    Una vertigine mi attanaglia lo stomaco
    Combattuto tra passato, presente e futuro
    Cosa voglio
    Cosa ho avuto
    Cosa potrei avere
    Cosa avrò
    Non riesco a non ritrovarmi solo alla fine di ogni divertente intermezzo
    Vorrei una ragazza
    Mi sento solo
    Non ne ho mai avuta una
    Una strana vita mi ha portato in giro in questi giorni
    mi ha ributtato esattamente tra le righe da cui ero evaso
    Vivi sopra le righe mi ripetevo
    Non so più davvero cosa fare
    Eterno
    indeciso che sta bene nella sua indecisione
    Sono in pieno stallo
    Troppi avvenimenti
    Troppe persone
    Troppo fumo e niente arrosto
    Prendo coscienza di me
    Gli avvenimenti mi travolgono
    E ora chi sarò mai?
    Mi guardo intorno sconvolto
    Sono tornato ad anni e anni fa
    Timido e impacciato
    Silenzioso e trasparente
    Mi muovo tra la gente
    Sarà l’aver definitivamente perso l’anna?
    Si è chiuso un cerchio
    Non è più finita a metà
    Abbiamo avuto quello che ci doveva il destino
    Un’altra notte
    Nulla più
    Rendersi conto che non si prova nulla
    Accorgersi che è meglio così
    Renderlo reale
    Il passo decisivo
    Forse più lungo della gamba
    Credevo mi avrebbe liberato
    Mi ha spezzato le ali
    Cado nel buco
    Arrivato in fondo comincerò a scavare
    c‘è chi mi grida che il fondo riuscì a toccare
    ma farò di più
    farò di meglio
    la mia tomba scaverò nel fondo del baratro
    e chiunque mi vorrà ricordare là nel buio dovrà spingere lo sguardo
    dimenticherete
    dimenticherà

    questa l’avevo scritta tanto tempo fa, quando ancora soffrivo per la mia ex..l’ultima ragazza che ho amato e che a distanza di mesi e a distanza di 4 ragazze forse continuo ad amare
    una di quelle persone che incidono a fuoco il loro nome nel tuo cuore
    una di quelle il cui viso è impresso nei tuoi occhi e dove ti giri la vedi
    una di quelle che si chiamano ossessioni
    una di quelle che sai che è la tua anima gemella
    una di quelle
    scommetto che sapete di cosa parlo

    #9131
    SLIVER
    Partecipante

    l’amore è un incendio
    il cuore un bosco

    inizia tutto con una piccola scintilla
    si nasconde in fondo al bosco
    le foglie del sottobosco divampano
    gli alberi cominciano a bruciare
    la ami

    lei ti molla

    spegni l’incendio
    la cicatrice è visibile ma il tempo la guarirà
    sei tranquillo
    hai vinto le fiamme
    vincerai il ricordo

    la rivedi

    c’era una piccola brace
    sotto un tronco caduto
    sfugge al tuo controllo
    non eri preparato
    divampa
    un ritorno di fiamma
    non eri preparato

    sei solo
    col tuo cuore carbonizzato
    l’incendio ti è sfuggito di mano
    nessun volontario ad aiutarti
    il bosco non esiste più
    ricrescerà
    con costanza
    negli anni

    intanto soffri…
    solo

    #9132
    SLIVER
    Partecipante

    Paura dei miei pensieri
    Paura di essere diverso
    Paura di essere migliore
    Per paura
    Cambio
    Uccido il mio cervello
    Non posso più stare solo con me stesso
    Mi faccio del male
    Solo per stare meglio
    Intanto
    Muoio
    Rinasco
    Non so più chi sono

    #9107
    Anonimo
    Ospite

    Grande questa!!! ico02

    #9108
    Anonimo
    Ospite

    Ancora quella sensazione di vuoto, infatti non so cosa scrivere, le dita scorrono lente sulla tastiera, quasi svogliate cercano di esprimere un’apatia che mi pervade.
    Accarezzo i tasti cercando una risposta, sapendo benissimo che ne la A ne la Q potranno darmi quello di cui ho bisogno. Eppure continuo a cercare.
    Mi sembrava di aver visto qualcosa di strano, lì, tra la K e la J, una briciola, qualcuno ha mangiato qui. Non è decisamente ciò che potrebbe riempire il mio buco.
    Già il problema, il mio problema, è sempre quello: un buco, enorme, nero e senza apparente fondo. Si mangia tutto quello che ho costruito. Ero convinto che si fosse rimarginato, si era solo addormentato. La droga lo aveva sedato.
    Adesso è tornato a mangiarmi, a logorarmi, ed io, come sempre, non so cosa fare.
    È l’apatia che a caratteri neri troneggia sopra la mia scrivania, una sensazione che nessuno vorrebbe provare, l’assenza di sensazioni.
    Così sto vivendo io, non provo nulla, fuggito dai ricordi, non so più chi sono e cosa voglio. Vago.
    Una voce mi assicura che passano ancora i treni per tozeur, ma non posso credere che qualcuno ancora si fermi a guardarli.
    Sempre la stessa voce, l’unica che riesca ad ascoltare senza provare fastidio, mi comunica che insieme a lei non ci sto più, che guardo le nuvole lassù. Sorrido. Ho dei ricordi a riguardo, vaghi, una foto logorata e bruciacchiata agli angoli. Coinvolta forse nel grande incendio. Già, che momenti quelli, quando bruciavo di sensazioni ed emozioni. Peccato che lei abbia bruciato tutto al suo passaggio.
    E lui, quel lui che mi sta dentro, sopravvissuto, ma paralizzato dal collo in giù, dice che siamo solo cresciuti. Ma io lo so, ho scoperto tutto, sono stato illuminato in un momento di ottuso vagare e ora so. So che è stata lei a soffrire per prima, un’essere speciale, ferito, alla ricerca della vendetta, inconscia, su di me. E io ora cerco vendetta a mia volta.
    Lo sappiamo tutti e due, siamo vendicatori delle nostre sofferenze, non lo facciamo apposta, non possiamo farne a meno. Non proveremo mai quello che abbiamo provato e allora apatia. Un’apatia che disprezza tutto, perché vede con chiarezza la futilità del mondo. Mi spiace fare del male, ma devo, rientra nei nuovi piani. Scusate.

    #9114
    Kurt74
    Amministratore del forum

    ico06
    Mi ha fulminato ico14

    #9109
    Anonimo
    Ospite

    onorato del tuo illustre e favorevole parere ico01

    #9133
    SLIVER
    Partecipante

    L’hai sentita vacillare su alcuni punti.
    Lì hai continuato a colpire.
    I nervi scoperti
    I punti deboli
    Credendo di fare male
    Eppure quello con le lacrime agli occhi sei tu
    Colpivi lei per colpire te stesso
    Inutile masochismo
    Il dolore per scacciare l’apatia

Stai visualizzando 15 post - dal 61 a 75 (di 75 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.