Riflessioni….

Home Forum Forum nirvanaitalia.it Riflessioni….

  • Questo topic ha 1 risposta, 8 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 14 anni fa da Rixx.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 37 totali)
  • Autore
    Post
  • #2325
    Anonimo
    Ospite

    Rixx – 3/8/2008 1:11 PM
    @ thebeatter: Non c’è niente di meglio di un pò di insana curiosità.Anche perchè quei concerti sono eventi talmente remoti,per i gggiovani dell’attuale generazione (ma anche per me sono lontanissimi,non avendoli vissuti nella giusta età!),che ben pochi sono i documenti e le testimonianze arrivatici in qualche maniera e in qualche modo bisogna colmare queste lacune.Non credo ci sia lo stesso interesse riguardo concerti svolti,che so,in Austria o in culo all’America….ciò che rende interessanti gli aneddoti (seppur pochi) è il solo fatto che ci siano stati concerti in Italia.

    Premetto che sai benissimo che apprezzo il tuo lavoro e la mia riflessione era ovviamente generalizzata…. un pò di insana curiosità la capisco… ma manca solo leggere domande del tipo…. “Kurt la faceva dura o molle?”… ogni tanto il tutto mi sembra eccessivo. Anche a me quando capita di trovare qualcuno che ha visto concerti dei Beatles…. chiedo e mi diverto ad ascoltare i ricordi dei fortunati anziani ( ico08 ) ma tutto finisce li…. come ti ho detto già di persona uno andava a vedere un concerto dei Nirvana e non poteva immaginare di assistere ad un evento storico… assistere ad un concerto di una futura icona per le generazioni a venire… come il Che o Jim Morrison. Si tutti abbiamo pensato nel 91 “che stronzata fare il concerto al Bloom… non potevano farlo al Rolling Stone o al City Square che li avrebbero riempiti?!?”… tutti eravamo consapevoli che erano dei grandi…. ma nessuno immaginava una cosa del genere! Poi vi assicuro che quella sera fu un delirio!!! C’era più gente fuori che nel locale….
    Se per quello altra situazione ancora più assurda fu il concerto dei Pearl Jam al Sorpasso (ora è un ristorante brasiliano), che tennero davanti a 200 persone…. ma Eddie Vedder non è morto e nessuno mi ha mai chiesto di quel concerto. I PJ tornarono 3/4 mesi dopo e fecero tutto esaurito al City Square e la loro popolarità non era inferiore a quella dei Nirvana. Sono sicuro che se Vedder e soci non avessero fatto certe scelte anti-commerciali ora sarebbero famosi e ricchi come gli U2… e se Vedder si fosse suicidato, considerato che al Sorpasso eravamo veramenti in pochi, firmavo autografi per aver assistito al concerto ico09 ico09 ico09
    Io credo che in tutte le cose ci voglia la giusta misura… Kurt Cobain …. che poi è solo per lui l’attenzione morbosa…. non era Dio!!! Era un ragazzo che aveva una band e si sono ritrovati in brevissimo tempo famosi… grazie alla loro bravura…. non ha retto alla situazione e tutto è degenerato!
    Ma in particolar modo era un ragazzo sensibile che odiava questo comportamento maniacale…..

    #23670
    Rixx
    Partecipante

    Eh,lo so…Ma che ci possiamo fare?! Tra 10 o 20 anni non credo che ci sarà ancora qualcuno a parlare dei Nirvana.Per cui meglio battere il ferro finchè è caldo.La passione è passione,smodata o contenuta che sia.Non ho mai chiesto nulla sui PJ a chicchessia perchè non mi piacciono e di conseguenza non m’interessa discuterne,ma sono certo che un sacco di gente fanatica per loro penderebbe dalle tue labbra per ascoltare l’aneddoto del Sorpasso,senza contare le storie sulle centinaia di concerti a cui hai assistito (anche quella dei Poison Idea non era male!).D’altronde,’sto forum si chiama NirvanaItalia,è legittimo l’interesse attorno alla band e a Kurt. ico02

    #23676
    Thebeatter
    Moderatore

    Il riferimanto ai Pearl Jam era solo per sottolineare che la morbosità nei confronti di Cobain è legata alla sua scomparsa…. se fosse ancora in vita non esisterebbe il fanatismo a questi livelli….. sarebbe diciamo “più sano”…. come per tante band ancora in attività.
    Ci mancherebbe comunque che una persona non coltivasse le proprie passioni…. la mia era solo una riflessione. Anzi per certo versi la cosa mi rende felice…. se per la nuova generazione non esiste solo la playstation….

    #23657
    Anonimo
    Ospite

    premetto che appena iscritta al forum la pensavo esattamente cm rixx….tra 10 -20 anni credo che ancora c sarà chi parla dei nirvana…perchè cmq sn un fenomeno su cui i media(e nn solo) possono guadagnarci …di conseguenza credo si parlerà ancora di loro per molto tempo.

    per quanto riguarda l”idolatrare” kurt … è una cs che nn ho mai potuto sopportare… era un ragazzo cm molti di noi che ha avuto un’infanzia difficile, genitori divorziati (e credo che queste siano situazioni che si riscontrano anche ora tra i giovani) e diciamo in modo carino che era troppo “sensibile” per superare questo dramma infantile… dico “in modo carino” perchè credo che l’essere sensibili sia ciò che rende deboli le persone… m spiego meglio …la sensibilità va bene ma “il troppo stroppia” …scusate se posso sembrare dura da questo punto vista ma il cuore tenero nn è uno dei miei pregi.

    dopo questa piccola parentesi continuo.. l’interesse e le mille domande sui concerti che pochi di questo forum hanno potuto vedere sn comprensibilissime e ci stanno tutte…anche se poi colui che deve rispondere a tali quesiti nn ne capisce l’accanimento e dp un pò si scassa anche le palle, ma credo che sia un pò cm le persone che hanno una passione quasi maniacale per “la seconda guerra mondiale” e sui “campi di concentramento”(o su un qualsiasi altro evento storico di maggiore o minore rilevanza)…. le vedi intente a cercare di tutto e di più a riguardo e fare dei veri “terzi gradi” a persone che purtroppo hanno vissuto quel periodo… ora lo so che il paragone nn regge bene…e nn so neanche se sn riuscita a spiegarmi…scusate meglio di così nn ci riesco ico07

    #23658
    Anonimo
    Ospite

    Rixx – 3/8/2008 4:21 PM

    Non ho mai chiesto nulla sui PJ a chicchessia perchè non mi piacciono e di conseguenza non m’interessa discuterne

    facciamo un forum contro i pearl jam!!!!! ico03 ico03 ico03 ico03

    #23677
    Thebeatter
    Moderatore

    Io lo apro anti Polly17 ico09 ico09 ico09
    …. Polly17, e non 87, perchè sei anziana….. la seconda guerra mondiale ico09 ico09 ico09
    Quindi visto che sei del 17 quando è finita la guerra avevi più o meno l’età che avevo io quando è scomparso “LUI”….. ico09 ico09 ico09

    #23659
    Anonimo
    Ospite

    Generazione forse intermedia, più che nuova, per quella credo che le eccezioni siano poche (ma per fortuna, ci sono lo stesso).

    Quel che dici tu, Steve, l’ho pensato anch’io, o meglio, spesso mi sono chiesta da dove derivi questo particolare tipo di interesse, così attento ad ogni minimo dettaglio, che io non provo (perchè lo coltivo in altri modi, tutto qua). E mi son data la risposta che ti ha fornito Rixx, si tratta di passione. E di passione s-modata, cioè letteralemente “senza modo, senza misura”, che tra l’altro richiede un impegno e un’assiduità davvero ammirevoli. Eppure credo non ci sia nulla di malsano in tutto questo, poichè non mi sembra che questo tipo di passione si muova all’insegna di un Cobain-ismo ben poco condivisibile. Ho la netta impressione che tutti coloro che questa passione la provano abbiano ben chiaro chi realmente fosse Kurt Cobain (“ben chiaro” per quanto sia possibile per noi che ne abbiamo avuto solo notizie mediate e mai personali), senza mai cedere ad una mitizzazione sciocca o adolescenziale. In più, non vanno “a caccia” di aneddoti che riguardano la vita privata di un particolare membro del gruppo, ma provano a scovare indizi della vita pubblica della band nella sua interezza. Se così non fosse, in quel caso , allora sì, si potrebbe parlare di un interesse che graviti attorno unicamente alla leggenda di Kurt Cobain.

    #23660
    Anonimo
    Ospite

    thebeatter – 3/8/2008 5:38 PM

    Io lo apro anti Polly17 ico09 ico09 ico09
    …. Polly17, e non 87, perchè sei anziana….. la seconda guerra mondiale ico09 ico09 ico09
    Quindi visto che sei del 17 quando è finita la guerra avevi più o meno l’età che avevo io quando è scomparso “LUI”….. ico09 ico09 ico09

    mr.simpatia avevo specificato che ero consapevole che il paragone cn l’evento storico nn reggeva…era solo per far capire il senso della “passione”…cmq resta il fatto che nn sn del 17 ma dell’87… nn sn io l’anziana in questa discussione ico08 ico03 ico02

    #23678
    Thebeatter
    Moderatore

    La cosa inoltre mi porta a fare anche una ulteriore riflessione sul movimento musicale…. e culturale in genere. E’ possibile che dopo il movimento degli anni 90 praticamente il nulla? Possibile che non ci sia un gruppo di ragazzi giovani che non riesca a far dimenticare i Nirvana & co (e non parlo solo di grunge….)? …. e che tutte le nuove uscite degne di nota gira e rigira sono sempre opera dei soliti noti, che suonano da almeno più di dieci anni ad alti livelli?

    Ma le nuove generazioni non hanno nulla da dire?

    Il popolo di nirvanaitalia ascolta per il 90% musica di personaggi defunti o ultra 35enni….. ico05

    #23679
    Thebeatter
    Moderatore

    polly87 – 3/8/2008 5:59 PM
    mr.simpatia avevo specificato che ero consapevole che il paragone cn l’evento storico nn reggeva…era solo per far capire il senso della “passione”…cmq resta il fatto che nn sn del 17 ma dell’87… nn sn io l’anziana in questa discussione ico08 ico03 ico02

    L’età anagrafica conta poco… ho conosciuto 20enni già vecchi e 90enni peggio dei ragazzini…. ico08 ico08 ico08

    #23692
    ENDLESS
    Partecipante

    thebeatter – 3/8/2008 6:03 PM

    La cosa inoltre mi porta a fare anche una ulteriore riflessione sul movimento musicale…. e culturale in genere. E’ possibile che dopo il movimento degli anni 90 praticamente il nulla? Possibile che non ci sia un gruppo di ragazzi giovani che non riesca a far dimenticare i Nirvana & co (e non parlo solo di grunge….)? …. e che tutte le nuove uscite degne di nota gira e rigira sono sempre opera dei soliti noti, che suonano da almeno più di dieci anni ad alti livelli?

    Ma le nuove generazioni non hanno nulla da dire?

    Il popolo di nirvanaitalia ascolta per il 90% musica di personaggi defunti o ultra 35enni….. ico05

    Ormai oggi neanche l’underground sforna qualcosa d’interessante.
    Conosco tanti gruppi “giovani” che non sono niente male, ma niente che non sia già stato fatto.
    Insomma non c’è niente di nuovo, la solita solfa sentita e risentita, e di gruppi con le PALLE ce ne sono davvero pochi

    #23671
    Rixx
    Partecipante

    @ Anorexorcist:l’avevo già detto che ti amo? ico03 Cmq sì,c’hai preso in pieno.Ed è innegabile,per quanto mi riguarda,che più che l’aspetto privato (un pò triste e per certi versi pure squallido,per quanto affascinante) della vita di Cobain non m’interessa quanto la storia legata all’attività live e in studio della band.Music comes first,and the lyrics second,diceva qualcuno! ico08

    Quanto al fatto che non sembra esserci altro che possa ‘superare’ l’impatto Nirvana nel nuovo millennio…Non lo so.Personalmente sono già troppo vecchio per esaltarmi per qualcosa di “nuovo”.A me i vari Interpol,Editors e compagnia bella non mi interessano minimamente,anche perchè devo ancora recuperare tutto lo scibile sui Joy Division (vuoi mettere gli originali con gli epigoni di terza generazione?).Idem per l’hardcore attuale,che me ne fotte dato che ho ancora un sacco di dischi degli ’80-90 da scoprire?!
    Negli ultimi anni ho quasi totalmente abbandonato ciò che gira per il mainstream e non seguo minimamente le novità estere,ma preferisco concentrare il mio interesse su gruppi italiani dell’underground che considero validi.E per farlo,mi sono dovuto addentrare nei meandri del punk rock elitario & snobista,trovandomici perfettamente a mio agio.Per grazia di dio i Pornoriviste non sono più il gruppo di punta della scena italiana,ahahaha….
    Anyway,suppongo si tratti di una questione di gusti:ognuno rifugge verso ciò che più gli aggrada.Quanto a degli ipotetici ‘nuovi’ Nirvana (o meglio,qualcuno che riesca a sostituirne il ruolo in termini di freschezza e portata ‘rivoluzionaria’) ne riparliamo nel prossimo decennio. ico02

    #23680
    Thebeatter
    Moderatore

    Possiamo dire che tranne un improbabile colpo di coda questo è stato il decennio più triste della storia del rock?

    #23689
    Sappy
    Moderatore

    Ssi..attualmente nn esiste + il vero rock….c sono band stupide e idiote che fanno musichette solo x ragazzine stupide che sono convinte che quello che ascoltano è rock…..ma vàààààààà ico11

    #23661
    Anonimo
    Ospite

    @ Rixx: Sì, l’hai già detto! E da qualche altra parte devo averti scritto che questo è molto più di quell’antico pacchetto quasi pieno si chewing gum alla ciliegia… Così rischi di farmi emozionare sul serio ico08

    Per il resto,
    appena iscritta a questo forum aprii un topic chiedendo cosa sarebbe successo se Bleach fosse uscito adesso, “ai giorni nostri”, e la discussione è lentamente scivolata verso lidi simili a questi che qui si stanno analizzando.
    Io sono dell’opinione che per fare una “rivoluzione” ci sia bisogno tanto di teorici della rivoluzione, quanto di braccia che quella rivoluzione vogliono metterla in atto. Applicando quest’idea al mondo musicale voglio dire che, se anche ci fossero band in grado di sconvolgere il panorama culturale e sociale, sarebbero pochi i ragazzi che, effettivamente, prenderebbero armi e bagagli all’insegna dell’attuazione del nuovo ideale. Ed è triste pensare e rendersi conto che sulle GRANDI scene di teorici non ce ne sono e che nelle retrovie i coraggiosi sono pochi e, come tu giustamente dici Steve, ben rifugiati nel passato. La maggioranza è affacendata all’inseguimento di sagome, senza spessore, senza sostanza, posticce. Nel pieno degli anni ’90 non ero ancora sufficientemente grande per rendermene conto, ma credo si respirasse un’aria diversa tra i giovani e gli input musicali non hanno fatto niente altro se non accentrare e canalizzare scintille che già s’erano accese, facendo sì che si potesse dare loro un nome, come quello di un nuovo movimento musicale. Magari sbaglio, ma oggi come oggi, gli input che si ricevono accenderebbero scintille finte, dando nomi finti a movimenti in se stessi finti. Quel che di nuovo e interessante c’è sulle scene minori continua ad avere un piccolo seguito, un seguito che forse è anche un pò stanco e non ha tanta voglia di adoperarsi perchè qualcosa cambi, rischiando che anche i loro piccoli tesori si sprechino o rovinino, tra le mani della folla. Un esempio facile, pensate ai Bluvertigo (scelgo loro perchè sono un mondo a me ben noto): hanno ampliato il concetto di fare musica, l’hanno fatto diventare anche un fatto estetico/visivo, a tratti letterario. E che seguito avevano, nel ’95, quando uscì il loro album? Minimo. Solo quando uscì il secondo, coi pezzi più noti, e parliamo sempre di 11 anni fa, le cose cambiarono, ma di poco. Il terzo album li rigettò indietro. Ora che ricalcano le scene e godono della popolarità acquisita da Morgan attraverso la televisione, ma che pubblico nuovo hanno? Pessimo. E se resisteranno a breve ritorneranno, secondo quanto spero, ad essere oggettivamente apprezzati solo da chi realmente è in grado di farlo. Loro sono musicalmente (relativamente) nuovi, freschi. Eppure non si riesce a cambiare le cose. Cambiando genere e andando a parare tra stili più popolari (ma nel senso che coinvolgono emotivamente più persone, non lo dico in senso spregiativo) alla fine, dopo prime innovazioni, siamo costretti ad assistere a modi reiterati che facilmente diventano noiosi, annoiati, annoianti.
    Un grosso problema sta nella capacità, sempre minore, da parte del pubblico di ascoltare. Così si richiede un “prodotto” di minor qualità. E chi fa la musica solo per soldi si adegua alla qualità che il mercato richiede. In Italia, purtroppo, la maggiorparte delle persone si fa strada nell’ascolto da solo, senza guide. E chi ha buone orecchie inevitabilmente finisce per guardarsi indietro e tuffarcisi a occhi quasi chiusi. Preferisco rispolverarmi la discografia dei Led Zeppelin (ammesso che si sia mai impolverata!), piuttosto di arrabbattarmi tra musica scadente. Preferisco studiare discografie passate (sono a caccia di David Bowie, Roxy Music & Co ultimamente), piuttosto di guardare cose nuove e tornarmene indietro amareggiata.

    Poi, oh, se qualcosa di buono arriva, tanto di guadagnato! Speriamo in questo colpo di coda oppure “godiamoci una decade di decadenza” (questa che sta per finire), diceva una bluvertigheria, e aspettiamo la prossima.

    Scusate la prolissità ico08

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 37 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.